Digital Economy News è la rubrica dedicata alle novità in ambito tecnologia, social media e business digitale. A cura degli editor di Datalytics, Digital Economy News vuole offrire al lettore una panoramica sugli eventi più importanti dell’ultima settimana trascorsa, con un focus specifico sulle aziende fortemente digitalizzate. In questa nuova puntata di Digital Economy News troviamo:

  • PayPal e la trimestrale dei record
  • Facebook Dating sbarca in Europa
  • Lenovo vola tra software e servizi
  • Instagram cambia le regole sul nudo social
  • LinkedIn, arrivano le Stories

PayPal vola ancora: Q3 da record

Un altro trimestre d’oro per PayPal, che ha stabilito un nuovo record per numero di transazioni processate, circa 4 miliardi per un totale di 247 miliardi di dollari. La piattaforma dei pagamenti online ha raggiunto 15,1 milioni di nuovi utenti acquisiti e un utile netto di 1,02 miliardi di dollari.

Segno positivo per i ritmi di adozione del servizio da parte dei commercianti: circa 1,5 milioni quelli che l’hanno fatto nell’ultimo trimestre, il doppio rispetto a quanto mediamente avveniva prima dell’arrivo di COVID-19. Questo il commento del CEO Dan Schulman:

Il terzo trimestre di PayPal è stato il più “forte” nella nostra storia. La crescita rafforza il ruolo che rivestiamo nella vita quotidiana dei nostri clienti, soprattutto durante la pandemia. Guardando avanti, stiamo investendo per creare il migliore portafogli che include tutte le forme di valute digitali e i sistemi di pagamento, in grado di funzionare senza difficoltà sia nel mondo fisico sia in quello online.

Facebook Dating ora disponibile in Europa

Facebook Dating, la funzione per incontri di Facebook, è disponibile anche in Europa. Era stata introdotta in venti paesi, tra cui gli Stati Uniti, nel settembre del 2019, e da allora secondo Facebook ci sono stati 1,5 miliardi di “match”, cioè di proposte di incontrarsi o contattarsi.

Per poter usare Facebook Dating bisogna avere almeno 18 anni e scegliere di attivare l’opzione che la riguarda. Chi sceglie di farlo può quindi creare un profilo separato da quello principale di Facebook e usarlo per iniziare a trovare persone tra quelle che sono iscritte a Facebook Dating. Ci sono funzionalità simili a quelle del normale Facebook, come le storie, e altre dedicate, come quella per elencare fino a nove amici per cui si ha hanno “passioni segrete”, che attiva una notifica nel caso in cui l’apprezzamento sia reciproco.

A differenza di Tinder, su Facebook Dating non c’è il sistema dello “swipe” per scorrere velocemente le schede di ogni potenziale partner e decidere a chi dare un like (swipe a destra) e a chi no (swipe a sinistra). Il servizio prevede una maggiore interazione da parte degli utenti: se si ritiene interessante un profilo, il sistema propone di scrivere un messaggio o un commento a una delle foto, prima di visualizzare la scheda seguente. Dopo l’invio, l’utente non può più vedere né contattare quel profilo, salvo che il suo proprietario non dimostri a sua volta un interesse.

Lenovo, vola la trimestrale

Trimestre di grandi soddisfazioni per Lenovo, che gira la boa della metà del proprio anno fiscale con un fatturato trimestrale record di 14,5 miliardi di dollari e una crescita del 7 per cento anno su anno. L’utile netto è cresciuto del 53 per cento anno su anno, a quota 310 milioni di dollari. Nonostante lo scenario globale complicato dal Covid-19, Lenovo vede buone prospettive per la seconda metà dell’anno, sospinte da lavoro e scuola a distranza. “Per questi fattori, il mercato dei PC è cambiato drasticamente, e prevediamo che nell’arco dell’intero anno in corso se ne venderanno 25 milioni di pezzi in più rispetto al totale del 2019, anche se non sono mancate le difficoltà, dovute soprattutto alla carenza di componenti quali per esempio pannelli video e processori” – ha dichiarato Emanuele Baldi, Country General Manager di Lenovo per l’Italia – grazie ai nostri 30 siti produttivi a livello globale, siamo riusciti a minimizzare queste difficoltà”. Lenovo continua a guidare il mercato globale dei PC con una quota del 23,6%, che si traduce in un fatturato trimestrale record assoluto per l’area PC e Smart Devices (PCSD) di 11,5 miliardi di dollari, in crescita dell’8 per cento su base annua.

Instagram cambia le regole sul nudo artistico

Per permettere a tutte le persone di mostrare con orgoglio il loro corpo, Instagram ha modificato le proprie regole sulle immagini di nudo artistico. La decisione è arrivata in seguito alle polemiche riguardati la rimozione delle foto che la modella di colore per taglie forti Nyome Nicholas-Williams aveva pubblicato sul suo account @curvynyome. Questi scatti ritraevano la donna in topless mentre si copriva il seno con le braccia. Fino a qualche giorno fa la pubblicazione di immagini di questo tipo era proibita dal regolamento, ma ora la situazione è cambiata. Nyome Nicholas-Williams e i suoi fan hanno aiutato Instagram a capire che è importante consentire alle persone con un corpo non conforme agli stereotipi di bellezza di mostrarsi orgogliose delle proprie fattezze. Restano vietate, invece, le foto raffiguranti dei seni schiacciati, in quanto tipicamente associate alla pornografia.

LinkedIn introduce le Stories

Ad annunciare per primo la nuova funzione è stato Pete Davis, head of content products di LinkedIn, in un blog post ufficiale: «Stiamo attualmente testando le LinkedIn Stories internamente e non vediamo l’ora di testarle con i nostri membri nei prossimi mesi. Abbiamo già imparato così tanto sulle possibilità uniche che le Stories possono offrire in un contesto professionale. Ad esempio, il formato Stories è ottimo per condividere momenti chiave di eventi di lavoro e lo stile narrativo full-screen semplifica la condivisione di consigli e trucchi per lavorare in modo più efficiente […] Non vedo l’ora di scoprire come le storie renderanno più creativo e autentico il modo in cui gli utenti condividono la loro vita lavorativa, in modo che possano costruire e coltivare le relazioni necessarie in un’ottica di produttività e di successo professionale».

Proprio come su Instagram e Snapchat, le LinkedIn Stories – disponibili solo nella versione mobile – sono costituite da foto o video della durata massima di 20 secondi, che scompaiono dal feed dopo 24 ore, a cui è possibile aggiungere brevi testi e GIF. Non mancano poi i tag, attraverso cui menzionare gli utenti con la classica chiocciola (@), e gli adesivi per interagire con i contenuti, come lo sticker “La domanda del giorno”, una forma di interazione diretta e sicuramente meno formale del classico post.

Continua a restare aggiornato con le ultime news iscrivendoti alla nostra newsletter!

Ottieni maggiori informazioni sulle nostre soluzioni di Customer Engagement e Data Visualization, scarica ora il Company Profile

‌‌

Grazie, tra poco potrai scaricare il company profile