Benvenuti nella rubrica di Datalytics! Brand Digital Story vuole raccontare la storia di successi o fallimenti di brand. Attraverso la definizione di una strategia basata sullo studio del mercato, della domanda, dei competitors e attraverso numerosi test e processi di affinamento la possibilità di ottenere il tanto desiderato il successo si avvicina al 100%. In questa rubrica vi poteremo ad esempio la storia di moltissimi brand e delle idee vincenti

Nel precedente episodio vi abbiamo presentato We School, il progetto innovativo di Marco De Rossi.

Oggi vi parleremo di Gymnasio, la start-up fondata da 5 giovanissimi studenti universitari, volta a rendere sicuro, personalizzato e accessibile il fitness.

Gymnasio, cos’è?

Un personal trainer virtuale, disponibile ovunque e in qualunque momento, economico e competente.

Un sogno?

No. È l’idea di 5 ragazzi del Politecnico di Milano e Torino. Nel 2021 hanno fondato una start-up e iniziato un percorso imprenditoriale che li ha condotti alla creazione di Gymnasio.

Team Gymnasio

Gymnasio è un dispositivo che utilizza l’intelligenza artificiale per monitorare la posizione del corpo umano durante l’allenamento e lavora simbioticamente con l’app, offrendo suggerimenti e correzioni in tempo reale. Analizza dati e progressi per fornire una scheda di allenamento adattiva e personalizzata alle esigenze di ciascuno ed infine consente di accedere ad una community per interagire con gli amici, sfidandoli o condividendo i risultati. Tutto nella massima privacy, poiché i dati risiedono unicamente sul dispositivo e non vengono in alcun modo trasmessi.

Come nasce Gymnasio

Gymnasio nasce ufficialmente a marzo 2021, ma i progettisti fondatori erano già al lavoro dal febbraio 2020.

Durante l’università Lapo Peruzzi (designer industriale classe 1996) ha iniziato il percorso all’Alta Scuola Politecnica (ASP), un programma multidisciplinare riservato a 150 studenti di talento, selezionati tra i migliori candidati ai Master in Architettura, Design e Ingegneria del Politecnico di Milano e del Politecnico di Torino, dove ha incontrato quei ragazzi che sarebbero diventati il team di Gymnasio.

Lapo Peruzzi, Daniele Gusmini (ingegnere dell’automazione), Giuseppe Pastore (ingegnere informatico), Andrea Rotella (ingegnere bio-medico) e Andrea Megaro (matematico puro e ingegnere matematico con indirizzo statistico) nel 2019 sono selezionati per partecipare al programma Pioneer della School of Entrepreneurship and Innovation (SEI) di Torino.

La squadra decide di convertire il progetto loro assegnato in un robot personal-trainer, Pepper.

Lapo Peruzzi (CDO), Daniele Gusmini (CEO), Giuseppe Pastore (CTO), Andrea Rotella (CMO) e Andrea Megaro (CFO), hanno gettato le basi per quello che sarebbe stato Gymnasio.

Pepper progetto SEI robot personal-trainer
Pepper, prima versione del device con sembianze di un robot umanoide
Device Gymnasio con telecamera 3D e algoritmi di intelligenza artificiale

Dal progetto SEI alla realizzazione di Gymnasio

Terminato progetto al SEI, il team di Gymnasio ha deciso di procedere nella realizzazione del progetto imprenditoriale e creare una soluzione più economica e meno ingombrate del robot personal-trainer per fornire il servizio di personal-training a chiunque abbia voglia di allenarsi in sicurezza.

L’idea era un dispositivo di dimensioni contenute, quasi un oggetto di arredamento, che monitora l’attività fisica fornendo indicazioni di postura ed una serie di esercizi personalizzati.

“Non esistono due corpi umani uguali tra loro, ma esiste un solo modo di eseguire correttamente gli esercizi; come piegare le ginocchia fino ad una certa angolatura o il non sollevare i talloni.”

A dicembre 2020 il team è stato premiato con la partecipazione a S2P – Switch To Product, il programma di accelerazione organizzato da PoliHub del Politecnico di Milano.

Per la parte di fitness il team fruisce del supporto di un board di esperti del settore e personal trainer per la validazione della soluzione. Sul piano tecnico, sono accompagnati da professori accademici che ci seguono come scientific advisor.

Nel marzo 2021 Gymnasio è diventata ufficialmente una start-up innovativa.

Ad oggi hanno sviluppato un primo prototipo funzionante della soluzione e hanno avviato una campagna di testing in collaborazione con alcuni centri sportivi e realtà del settore fitness.

Come funziona Gymnasio?

l team ha trascorso diversi mesi alla progettazione dell’hardware e alla realizzazione dell’app complementare. La tecnologia AI è basata su algoritmi di machine learning e neural networks, che permettono di osservare l’utente attraverso una camera e ricostruire il modello 3D del corpo

Gymnasio è in grado di analizzare il movimentocomprendere l’eserciziocorreggere movimenti e postura, gestire la scheda personale, tenere traccia dei progressi e dare feedback precisi durante l’allenamento.

Per concludere

È sempre bello leggere della crescente fame di creazione e innovazione dei giovani studenti italiani. Che sia fonte d’ispirazione per chiunque abbia voglia di dare vita concreta alla propria idea, non è mai troppo tardi. O, in questo caso, troppo presto!

Speriamo che leggere la storia di Gymnasio vi abbia interessato e divertito tanto quanto a noi scriverla! Andate a dare un’occhiata anche ad altri format di Datalytics!

Vi aspettiamo il prossimo mese per un nuovo approfondimento sulle storie di successo e insuccesso dei brand con Brand Digital Story!

Ottieni maggiori informazioni sulle nostre soluzioni di Customer Engagement e Data Visualization, scarica ora il Company Profile

‌‌

Grazie, tra poco potrai scaricare il company profile