Come chiunque altro abbia un business, ti sarai sicuramente chiesto più volte cos’è che porta un brand al vero successo. Forse ti sembrerà banale, ma il segreto è piuttosto semplice e lineare: capire cosa funziona e cosa no. Specialmente quando si tratta della comunicazione e della promozione della tua offerta, la strategia principale – quella che deve prevalere su qualsiasi altra attività ed ha la priorità in ogni checklist – è il monitoraggio dei principali indicatori di performance e la loro analisi critica. 

I KPIs meritano di essere parte sostanziale della tua strategia di crescita. Se non lo sono, devi continuare assolutamente a leggere questo articolo, perché rischi di vedere la tua impresa sgretolarsi come un castello di sabbia. Se non sei ancora convinto oppure ti senti disorientato e sai di dover fare di più per il tuo brand, fatti guidare e vediamo insieme quali sono i 10 KPIs fondamentali da tenere d’occhio se vuoi avere successo e che questo sia sostenibile nel tempo.

Ricavi dalle vendite

Partiamo con un indicatore probabilmente scontato, ma senza ombra di dubbio tra i più importanti: i ricavi ottenuti vendendo i tuoi prodotti e/o servizi. D’altronde, alla fine della fiera, il modo migliore per giudicare il tuo lavoro è misurare quanto ci hai guadagnato. Attenzione però, qui non stiamo parlando della voce che trovi nel conto economico, ma di un valore netto. Infatti, volendo apprendere quanto la tua strategia di marketing sia stata efficace nel generare profitto, la metrica che devi valutare deve essere calcolata sottraendo alle tue vendite totali le entrate derivanti dal cosiddetto marketing in entrata, ossia quando sono i consumatori a fare la prima mossa.

KPI ricavi dalle vendite

Leads generati

Questo secondo parametro arricchisce, e in qualche modo completa, l’analisi dell’efficacia di una campagna di marketing. Il trend di nuovi leads generati ti aiuta nel giudicare la forza della tua strategia, monitorando la quantità totale di potenziali clienti che hanno mostrato interesse nei confronti della tua offerta e dei quali hai ottenuto informazioni utili. Questi contatti ti serviranno a stabilire un contatto commerciale da utilizzare in futuro per generare un’effettiva opportunità di vendita

Lead generation KPI

Cost per lead

Tutto ciò che tu e il tuo team fate per ottenere nuovi contatti ha sicuramente il suo costo. Che si tratti di pubblicità, gestione della comunicazione o UX design, l’impatto sul budget aziendale non è trascurabile. Di conseguenza, l’analisi di questa metrica ti permette di recepire dritte interessanti su come affinare il tiro della tua strategia: la diminuzione del costo associato all’acquisizione di nuovi lead, dovrebbe farti capire che sei sulla strada giusta per far conoscere il tuo brand. Al contrario, un suo aumento ti suggerisce palesemente di cambiare canale di comunicazione

KPI cost per lead formula

Copertura social

La presenza sulle piattaforme social è ormai considerata un given per qualsiasi brand, per questo motivo tracciare la copertura sui vari canali è un elemento imprescindibile nel quadro di una valutazione generale della performance. In sostanza, con questo KPI valuti la distanza percorsa dal tuo messaggio: fin dove riesce ad arrivare la voce del tuo brand, quante persone e quanti occhi raggiunge. Ovviamente questo indicatore deve essere accompagnato da altre metriche che descrivono il tuo andamento sui social. La copertura mostra solamente quante persone hanno visto i tuoi contenuti, a differenza dell’engagement che è rappresentativo di quanto la tua community sia coinvolta in quello che fai. 

KPI copertura e engagement sui social

Tasso di conversione

Punto cruciale di qualsiasi seduta di review generale, è il tasso di conversione medioper ciascun canale di comunicazione utilizzato. Questo ti permetterà di dare priorità ai canali più efficaci, mentre cerchi di migliorare quelli che finora ti hanno offerto opportunità inferiori. In poche parole, il monitoraggio delle conversioni lungo il decision journey ti aiuta a identificare i punti deboli in maniera circoscritta, così da poter affinare continuamente la strategia nel suo complesso e perdere sempre meno consumatori “lungo la strada”.

KPI tasso di conversione lungo il decision journey

Traffico organico

Qui ti trovi a misurare quanti visitatori arrivano al tuo sito web dai risultati di ricerca organici e, alla stregua del cost per lead, si tratta di un parametro che ti permette di stimare a che punto sei con l’awareness. Quando valuti il traffico, dovresti quindi fare una distinzione tra le visite all’homepage e quelle dirette alle sezioni interne del tuo sito. Se le prime sono in numero maggiore, vuol dire che sei piuttosto conosciuto sul web e che gli utenti cercano appositamente il tuo brand o i tuoi prodotti anziché capitarci come destinazione di un referral.

Sessione media

Quanto tempo trascorrono solitamente i visitatori sul tuo sito web? Li coinvolgi abbastanza da restare per un periodo di tempo accettabile? La durata media delle sessioni degli utenti è un indicatore importante che dovresti considerare per giudicare l’efficacia dei contenuti del tuo sito e potenzialmente della tua offerta generale. Testando questa metrica sarai in grado di valutare qualità del tuo sito e capire se c’è necessità di effettuare miglioramenti a livello diuser experience. Non esiste un benchmark di sessione media ideale, tuttavia, tieni sempre in considerazione che la durata può influenzare la SEO e quindi il tuo posizionamento: non perderla d’occhio!

Backlinks

Le menzioni da parte di altri siti web sono tra i fattori più importanti per capire quanto il tuo brand sia diventato potente nell’industria di riferimento, insomma quanto spicchi tra tutti i tuoi competitors. Teoricamente più link e menzioni guadagni, più i tuoi prodotti e servizi dovrebbero apparire come un punto di riferimento, il consiglio spassionato che chiunque vorrebbe. Nella pratica è un po’ più complicato di così: riferimenti di bassa qualità sono in grado di danneggiare pesantemente sia la tua reputazione che il tuo posizionamento nell’organico. Per essere sicuro di mantenere alto il tuo profilo, dovrai monitorare costantemente il punteggio di qualità tramite uno strumento di analisi apposito, tipo MOZ.

KPI Backlinks

Tasso di ritenzione e di abbandono

A questo punto non resta che chiederti: quanto sei bravo a mantenere i tuoi clienti soddisfatti? Con queste due metriche puoi misurare la fedeltà dei consumatori che hanno dato un’occasione alla tua offerta. La prima ti mostra il numero di clienti che continuano ad utilizzare il tuo prodotto a seguito del primo acquisto e che quindi diventano consumatori regolari. Il tasso di abbandono mostra esattamente l’opposto, ossia i clienti che non sono stati tanto soddisfatti – o non hanno una reputazione abbastanza alta del tuo brand – da ripetere l’esperienza d’acquistoUn tasso di abbandono elevato potrebbe indicare che non ti concentri abbastanza sul miglioramento della customer experience e che, a parità di prodotto o servizio offerto, i competitor fanno sentire il consumatore più valorizzato.

Net Promoter Score

Il Net Promoter Score (NPS) rappresenta un altro modo per esaminare la soddisfazione della tua clientela. Questo KPI misura la probabilità che i consumatori raccomandino la tua offerta ad un amico, familiare o collega. Quando calcoli questa metrica, ricorda di lasciare uno spazio per i commenti: lo scopo è proprio quello di fare brainstorming sulle motivazioni che si celano dietro un riscontro negativo e sugli spunti per rimediarvi.

KPI Net Promoter Score

A questo punto avrai di sicuro compreso l’importanza del monitoraggio dei KPIs, ma se pensi di avere bisogno di un aiuto per entrare in quest’ottica, Datalytics MONITORING è la soluzione. La nostra suite proprietaria ti offre una piattaforma self-service per monitorare in tempo reale e in maniera integrata gli elementi delle tue campagne di marketing in grado di impattare maggiormente sulla reputation del tuo brand.

Ottieni maggiori informazioni sulle nostre soluzioni di Customer Engagement e Data Visualization, scarica ora il Company Profile

‌‌

Grazie, tra poco potrai scaricare il company profile